giovedì 19 ottobre 2017

Segnalazione #50 Parlami d'amore di Helen J. Evans

Buongiorno a tutti!!
Torno a scrivere sul blog dopo un po' di tempo. Dopotutto un blog deve essere aggiornato quando c'è qualcosa da dire e di cui parlare, giusto? XD "Dillo, Tania... ti eri dimenticata di avere un blog! Ammettilo, AMMETTILO!!!" 
In realtà il rientro dalle vacanze è stato piuttosto traumatico perché mi è saltata un'otturazione e non vi dico che mal di denti. Non ho dormito per giorni anche con gli antidolorifici e antibiotici. Sono un po' fuori fase e purtroppo questa situazione si protrarrà fino a metà novembre per la cura canalare. Ahimé mi tocca aspettare tantissimo... ma tolto il nervo, tolto il dolore. Non vedo l'ora di poter mangiare una mega-pizza, da gran ingorda quale sono. XD
Non ho scritto granché in questi giorni, il che mi dispiace perché ero nel bel mezzo di un romanzo che per forza di cose ho dovuto mettere da parte. Non è proprio un bel periodo, ma cerco di vedere le cose dal lato positivo. O almeno ci provo.
E quindi per distrarmi un po' vi segnalo un libro di recente pubblicazione "Parlami d'amore" scritto da Helen J. Evans, autrice della trilogia fantasy (vampiri) "Sunset" (le recensioni qui). Vi lascio tutte le info qui di seguito!



Titolo: Parlami d'amore
Autore: Helen J. Evans
Editore: Self-publishing
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 248 (ebook)
Prezzo: 1,99€
Data di uscita: 29 settembre 2017

Amazon - Facebook (pagina autrice)

Trama

Amy Walsh ha tutto quello che desidera: una carriera in una casa editrice, alcuni romanzi pubblicati in libreria e soprattutto ha James, il ragazzo con cui sta dai tempi dell’università. Ha intenzione di costruire insieme a lui una famiglia, e sta facendo mille sacrifici per riuscire ad avere il matrimonio che ha sempre sognato. 

Ma quando Amy scopre che James la tradisce, tutto il suo mondo crolla come un castello di carte. Distrutta dal dolore e dalla delusione, si rifugia a casa dei suoi amici Katy e Richard nel paesino di Dilton Marsh, e proprio lì incontra Matthew. E, nonostante il cuore spezzato, forse Amy riuscirà a ritrovare la fiducia nell’amore.


Lo sto leggendo proprio in questi giorni! Vado a rilento per via del dolore martellante, ma per il momento mi piace! Appena l'ho visto mi sono innamorata di quella cover! ♥ Complimenti a Helen per la scelta e per la semplicità, che premia sempre! Adoro i romanzi che trattano l'argomento dei libri, per di più la protagonista è una scrittrice/editor, quindi ancora meglio! Non vedo l'ora di poter proseguire. Per adesso sono alle prese con una telefonata un po' sospetta... 
Spero di aggiornarvi presto!
Tania

domenica 1 ottobre 2017

Release Blitz "eSTREmo inGAnno" di Cristina Vichi

Buongiorno a tutti!!

Come state? Io sono ancora in vacanza, ma devo dire che sono riuscita a lavorare anche da qui (mi sento una eremita più che una vacanziera, perché la mia casa in Puglia si trova in un paesino quasi sperduto 😂). Fortuna che internet funziona, non sempre, ma col cellulare non potevo pretendere chissà cosa...
Comunque, oggi il mio blog ha il piacere di ospitare il Release Blitz di "eSTREmo inGAnno" di Cristina Vichi. Vi lascio tutti i dettagli qui di seguito e non perdetevi l'estratto alla fine del post!! ^^





Titolo: eSTREmo inGAnno
Autore: Cristina Vichi
Genere: Dark Fantasy, Paranormal.
Editore: Selfpublishing
Pagine: 162
Prezzo Ebook: € 2,99 Aderisce al Kindle Unlimited
Prezzo Cartaceo: € 8,00
Pubblicazione: 01/10/2017
Link di acquisto: eSTREmo inGAnno

Trama
Nel 1717 una giovane sventurata bruciò viva sul rogo, accusata di stregoneria. Quella drammatica storia fu tramandata nei secoli e il luogo della tragedia prese il nome di Katherine’s City, in memoria della ragazza.
Kassy, diciassettenne del 2017, per strane e oscure ragioni si ritrova a vivere in prima persona la storia di Katherine, la Regina Rossa, scoprendo sulla propria pelle verità dimenticate, segreti inconfessabili e terribili maledizioni.
In un susseguirsi di scoperte sempre più inquietanti, l’angoscia di Kassy raggiunge l’apice quando capisce che la Regina Rossa non le ha rubato solo il corpo, lei vuole anche la sua anima, lei vuole scambiare i loro destini.
Chi brucerà sul rogo in quel terribile 17 ottobre 1717?




L'autrice
Cristina Vichi vive a Riccione, insieme al marito e tre figli.
Ha sempre amato molto inventare storie, ma dopo la stesura del primo romanzo la scrittura diventa una passione vera e propria. L’incontro con la Editor Emanuela Navone è illuminante, perché le permette di sperimentare l’universo della scrittura con maggior consapevolezza e nuovi stimoli.

Quando si conclude un romanzo non conta solo il risultato in sé, ma soprattutto il percorso che l’autore ha compiuto per arrivare a mettere la parola fine alla sua opera.

Di seguito le sue opere:
“Celeste: L’Ardore di una Donna” (Seconda edizione: 24/07/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e prequel di “Celeste: La Forza di una Regina”.
“Destini Ingannati” (Seconda edizione: 06/01/2017). Romance/Mistery autoconclusivo.
“Celeste: La Forza di una Regina” (10/08/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e sequel di “Celeste: L’Ardore di una Donna”.
“E se poi te ne penti?!” (01/12/2016). Romance/Humor, autoconclusivo.
“Tander: Dentro di noi l’energia dei Fulmini” (20/05/2017). Urban/Fantasy autoconclusivo.
Blog Autore: Cristina Vichi Blog
Pagina Facebook: Cristina Vichi Autrice


Estratto

17/10/1717

La folla si accalcava, impaurita ma curiosa. Da tempo attendevano quel giorno: finalmente la malasorte se ne sarebbe andata dal paese e la sciagura avrebbe smesso di perseguitarli.
Cinque gatti randagi, magri e pieni di pulci, giravano intorno alla catasta di legna e paglia ammucchiata contro un palo al centro della piazza. Uno di loro aveva una zampa rotta, si trascinava miagolando così forte da fare accapponare la pelle.
Anche i bambini erano curiosi di vedere la strega bruciare sul rogo; tenevano strette le loro corone d’aglio e si fingevano impavidi. In verità avevano paura e mai e poi mai avrebbero guardato la strega negli occhi, neanche con la collana d’aglio stretta fra le mani.
Dal fondo della piazza apparvero due uomini che trainavano un carretto, e i boati della folla aumentarono. Ecco la strega!
Nella confusione un bambino cadde a terra e fu calpestato da tre persone che nemmeno se ne accorsero. Era il delirio. Uomini e donne gridavano e maledivano la strega; erano in tanti, quella era la loro forza oltre all’aglio.
Lei era lì, sopra quel carro che avanzava lentamente verso la morte, chiusa in una gabbia di ferro. Nonostante fosse legata, incuteva ancora paura. Il neo di fianco all’occhio sinistro e gli indomabili capelli rossi erano un chiaro segno del suo essere demoniaco; anche la sua invidiabile bellezza era motivo di accusa. Nonostante fosse stanca, spossata e indebolita dalle percosse subite, aveva uno sguardo che catturava le persone. Tanti uomini, troppi, si erano innamorati di lei e avevano compiuto adulterio verso le loro mogli.
Mentre il carretto passava, la gente stringeva le collane d’aglio, faceva scongiuri e invocava i santi. Nessuno guardava quella misera ragazza negli occhi. Nessuno ne aveva il coraggio.
La fanciulla piangeva, scrutava la folla alla ricerca di un volto compassionevole, ma nessuno faceva nulla. Se ne stavano lì con le loro belle collane d’aglio, tutti le avevano!
Il carretto raggiunse il centro della piazza, dove c’era la catasta di legna. Un uomo aprì la gabbia e la folla strattonò giù la fanciulla. Più persone la trascinarono sul rogo e le avvinghiarono polsi, caviglie e busto al palo.
Prima di appiccare il fuoco, un uomo prese la parola davanti alla fiumana di gente, che si zittì per ascoltarlo.
«Carissimi amici, ricorderemo questa data come il giorno della liberazione. Finalmente la strega brucerà all’inferno!».
Un boato di acclamazioni fece eco alle sue parole.
«Evviva il forestiero che ci ha salvato!».
«La Regina Rossa ha finito di compiere misfatti». L’uomo alzò la fiaccola in aria. «Questa donna è il demonio!».
«Bruciamola subito!».
«No!», gridò la ragazza. «Vi prego, lasciatemi andare!».
«Tu sei una strega!», urlò un bambino in prima fila. «E le streghe bruciano sul rogo!».
La ragazza lo fissò e lui si affrettò ad abbassare lo sguardo, stringendo più forte la collana d’aglio che portava al collo.
«Sì, le streghe come te bruciano sul rogo», incalzò un’altra voce.
Il destino della giovane era ormai segnato.
Il miagolare stridulo dei gatti, soprattutto di quello con la zampa rotta, si librava nell’aria. Presto anche la strega avrebbe urlato. La sua sarebbe stata una morte lenta e atroce.
«Uccidetemi subito, vi prego!». La giovane si agitava per liberarsi dalle corde che le incidevano la pelle. «Bruciatemi dopo!».
«L’anima di una strega deve bruciare insieme al suo corpo», dichiarò l’uomo che teneva alta la fiaccola.
Il fragore della folla raggiunse picchi altissimi e coprì il pianto della fanciulla.
Quando l’uomo avvicinò la fiaccola alla catasta di legna, la giovane gridò. Il fuoco sfiorò appena il pagliericcio e le prime fiamme si trasformarono in avide mani pronte ad agguantare ogni cosa. Le urla della ragazza divennero isteriche. Non sentiva male, non ancora, solo un po’ di calore, ma la paura era ormai fuori controllo. Si dimenava osservando la paglia ardere sotto i suoi piedi scalzi, si divincolava come un serpente per sfuggire al fuoco. Non voleva che le fiamme si impossessassero di lei. Quello strattonare violento le lacerò la pelle delle caviglie e dei polsi. L’ispida corda si tinse di rosso.
Le fiamme danzavano intorno alla giovane e si allungavano per afferrarle i calcagni. Ardevano dal desiderio di abbracciarla e diventare un tutt’uno con lei.
La folla assisteva muta, impassibile. Ormai le urla della ragazza e il miagolare dei gatti erano gli unici strazianti rumori della piazza.
In sporadici momenti di lucidità, la ragazza si guardava in giro alla ricerca di un’àncora di salvezza, ma nessuno aveva pietà di lei.
Le fiamme raggiunsero i suoi piedi e iniziarono a tormentarli, presero coraggio e si avvilupparono intorno alle cosce fino all’inguine. Il vestito si incendiò. Le lingue di fuoco si eccitarono, prede di una frenesia divoratrice che le aizzava a spingersi sempre più in alto. Scalpitavano come cavalli impazziti, galoppavano sul corpo della fanciulla, bramose di fondersi con lei. La accarezzavano con passione ardente: volevano entrare in lei, possederla fino al suo ultimo respiro. All’odore di fumo si mischiò quello acre di carne bruciata.
Le grida diventarono disumane.

La strega stava bruciando viva.






Cover bellissima (mi piace tantissimo quel castello *-*), non trovate? Rende l'idea di un bel dark fantasy! Complimenti a Cristina per la scelta! La trama è davvero intrigante e spero proprio di riuscire a leggerlo.
In bocca al lupo per la nuova pubblicazione, Cry! ♥
Un saluto e a presto,
Tania

mercoledì 30 agosto 2017

Www Wednesday #5


Come tutti i mercoledì vi presento la rubrica Www Wednesday (ideata dal blog Should be eading), che consiste nel rispondere a tre domande
- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)




What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)


"La fine della solitudine" lo avevo tra le letture in arretrato in ebook che non ero riuscita a leggere perché non avevo l'e-reader a disposizione. L'ho iniziato, poi abbandonato e iniziato di nuovo. Ha un inizio che non mi ha preso tantissimo, ma voglio vedere come prosegue e se arriva a un punto di "svolta".



What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)





"La straniera" va dritto dritto tra i miei libri preferiti di sempre! *-* Non so descrivervi quanto mi sia piaciuto. Ma proprio tanto tanto tanto! Avevo già visto la serie tv, ma il libro per certe cose è molto più approfondito e dettagliato, tant'è che mi è venuto da pensare che l'autrice stessa sia andata indietro nel tempo come Claire! Questo per farvi capire quanta cura ci sia stata dietro ogni dialogo e ogni avvenimento.




What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)




E dopo una brevissima pausa con il libro che ho in lettura, vorrei continuare con Outlander così da potermi mettere in pari con gli avvenimenti trattati nella serie tv. A quanto ne so dovrei arrivare al terzo compreso, ma non so se riuscirò a farcela entro metà settembre. Ma ci provo...



Ohhh finalmente! Torno con il Www dopo non so quanto tempo. Non per colpa mia, ma dei vari blocchi del lettore, dell'abbandono dell'e-reader (ora di nuovo funzionante) e del poco tempo a disposizione per scrivere sul blog. :( Ma sto recuperando grazie alla scelta di libri giusti da leggere e della pausa che mi sono presa dopo tre mesi infuocati. Ve ne ho già parlato in questo post, quindi non mi dilungo nelle spiegazioni. 
Voi come avete passato queste vacanze? O dovete sempre partire per qualche meta rilassante, come me? 
Parlatemi delle vostre letture se vi va!
Buona giornata,
Tania

lunedì 28 agosto 2017

Segnalazione #49 I'm safe with your love di Tiziana Iaccarino

Buon inizio settimana a tutti!
Come vi avevo anticipato nel post di ieri, rieccomi qui per segnalarvi un'anteprima libresca dell'autrice e blogger Tiziana Iaccarino. Prima della pausa estiva avevo segnalato un suo lavoro qui e stavolta Tiziana ci sorprende non con un chick-lit divertente e spiritoso, ma con un Erotic Romance (indicata a un pubblico adulto) che vado subito a presentarvi qui di seguito:


Titolo: I'm safe with your love
Autore: Tiziana Iaccarino
Editore: Self-publishing
Genere: Erotic Romance - Romance
Pagine: 184 (ebook)
Prezzo: 0,99€
Data di uscita: 4 settembre 2017

Trama

Sandy è una ragazza attraente e passionale che ha deciso di essere indipendente, ma ama fare solo due cose: rubare e trasgredire sessualmente.
Quando la sua vicina di casa, che fa la escort per mantenersi, le chiede di sostituirla per una sera, a causa di un problema personale, accetta la proposta come una sorta di gioco.
Sandy ancora non sa cosa dovrà aspettarsi dal vortice di sesso e denaro, passione e sballo senza regole nel quale viene trascinata da Alex.
Lui è uno che perde tempo all'Università, spende i soldi della famiglia e si diverte.
Quella ragazza per Alex è solo una scommessa da vincere con il fratello, anche se poi si accorgerà che, a volte, un semplice gioco può diventare una storia seria, anzi un Amore con la A maiuscola.
Ma quei due saranno davvero disposti a cedere ai sentimenti e a riconoscere nell'altro la propria salvezza?


Nota: Quest'opera è indicata a un solo pubblico adulto, in quanto sono contenute scene esplicite che potrebbero urtare la sensibilità di chi non segue questo genere.

L'autrice
Tiziana Iaccarino nasce a Napoli, il 7 Maggio 1976. Ama l'arte in tutte le sue forme, ma da bambina le viene riconosciuta una predisposizione naturale al disegno. Inizia a scrivere negli anni dell'adolescenza. Allo stato attuale è autrice di molte opere pubblicate sia con case editrici piccole, medie che grandi, oltre che in regime di self-publishing sulla piattaforma di Amazon, è book blogger e collabora con vari siti d'informazione e cultura. 


Un piccolo estratto:
  

«Portacela qua, Alex... non ce la mangiamo, non ti preoccupare!» esclamò quello che teneva tra le mani la rivista porno.
Erano ragazzi tra i venti e i venticinque anni al massimo, ben vestiti, attraenti e senza dubbio, molto, troppo viziati.
I classici tipi a cui la vita aveva dato tutto e sembravano voler affossare la noia con lo sballo.
«No, prima si deve rinfrescare.» rispose Alex, perentorio, trascinandomi nel bagno che si trovava all'interno stesso della camera, per poi chiudere la porta dietro di sé.
Il bagno non era ampio, per quanto estremamente lussuoso.
Il ripiano del lavabo era in marmo rosa con venature bianche e la parete innanzi a noi si presentava completamente rivestita da uno specchio.
Sulla sinistra una cabina della doccia molto moderna si lasciava ammirare accanto ai servizi in ceramica bianca sospesi al muro.
Mi voltai per scrutarlo e capire le sue intenzioni, nel momento in cui allungò una mano a palmo aperto sul mio viso, per raccoglierlo tra le dita e mormorare.
«Lasciati andare, tesoro.»



Amanti dell'erotic romance all'appello! Che ne dite di questo romanzo? Lo leggerete? A me piacerebbe vedere l'evolversi di questo rapporto nato in un modo un po' inusuale...  sarebbe interessante scoprire la psicologia del personaggio di Alex. Insomma, io sono curiosa! Voi?
Un saluto e a presto,
Tania

domenica 27 agosto 2017

[Miscellaneous] Un'estate surreale tra camomille, editing, letture e serie tv

Buonsalve a tutti!
***Alert*** Vi avverto subito che sarà un post lunghissimo, ma sto facendo qualche taglio qua e là, spero apprezziate il gesto. 

E' un po' di tempo che non scrivo qui sul blog, non perché non avessi niente da scrivere - anzi - ma in questo periodo tanto frenetico quanto afoso, mi sono concessa un po' di pausa da dedicare a me stessa e al relax. Come ho già anticipato nell'intestazione, lassù ↑ nel titolo, per me questa è stata un'estate tra le più surreali che mi sia capitato di vivere da qualche anno a questa parte. Prima di tutto questo caldo anomalo mi ha debilitato in una maniera che non avrei mai creduto possibile (gli anni avanzano, ma non pensavo di arrivare a tali livelli di spossatezza prima dei trent'anni XD); in secondo luogo ho lavorato come una pazza ai libri inediti e a quelli in uscita e due editing di fila sono stati davvero, davvero, davvero qualcosa di dannoso per la mia salute psichica, aggiungeteci pure quaranta gradi all'ombra e otterrete una pseudo scrittrice crollata e stesa sulla scrivania che parla nel sonno. Camomilla a fiumi per calmare i nervi e via, verso un nuovo giorno. Ripetete per 40 giorni e avrete un'idea di come abbia trascorso giugno-luglio. XD
Non male.
Fortuna che sono riuscita a ritagliarmi giusto un minimo di vita sociale. Il minimo sindacale, eh. Sia mai perdere troppo tempo in chiacchiere... comunque oltre al caldo, l'editing e le millemila tazze di camomilla ,ad agosto sono riuscita a recuperare qualche lettura in arretrato e qualche serie tv. Sono riuscita ad aggiustare (miracolo!) il Kobo che ora io chiamo il "Redivivo" e per il tablet sto aspettando che arrivi la batteria di riserva così potrò usare anche la mia adorata app Kindle. Per adesso riesce a stare acceso per venti minuti e poi dà segni di cedimento... ma con la batteria nuova tornerà ai vecchi tempi gioigloriosi, quindi niente è perduto. 

A ogni modo, anche io sono stata vittima del blocco del lettore per due o tre mesi e spero che sia passato grazie a una delle mie letture recenti: La Straniera - Outlander #1 della Gabaldon. Ho preso degli appunti durante la lettura e spero di riuscire a decifrarli per poi scrivere una recensione degna di quel libro, ma so già che non ci riuscirò mai. Cioè, boh, è qualcosa di fantastico. Sapevo la storia in generale perché ho visto la serie tv, ma nonostante ciò non riuscivo a staccarmi dalle pagine. Poi, ragazzi, che descrizioni! Secondo me l'autrice ha viaggiato nel tempo, come Claire, altrimenti non si spiega la minuziosa attenzione ai dettagli, alle tradizioni e ai collegamenti storici... tutto. Per farvi capire quanto è scritto bene in tutto e per tutto posso dirvi che probabilmente mi sarebbe piaciuto lo stesso anche senza la parte amorosa e romantica. E' uno di quei libri che dovrebbero essere studiati a scuola, tra una lettura obbligatoria e l'altra. L'ho letto in una settimana e sono stata anche abbastanza pigra perché ero solita leggerlo o la mattina presto o la sera tardi prima di andare a dormire (e non vi dico che sogni, confusi... la scozia, il kilt... Sam Heughan vabbè).

Per le serie tv, invece, ho finito la seconda stagione di Shadowhunters (sicuramente più bella, brillante e meno noiosa della prima, ma certe scelte degli sceneggiatori non mi hanno convinta per niente. In pratica la sto continuando solo per Matthew Daddario, che è una gran bella motivazione già di suo, no?); ho recuperato le ultime puntate della tredicesima stagione di Grey's Anatomy che mi mancavano da vedere, ma boh ho quasi perso del tutto l'interesse verso questa serie. :/
Ho provato a iniziare per la seconda volta Gossip Girl ma c'ho rinunciato di nuovo; ho visto qualche puntata di Reign (sempre su Netflix) ma ho ancora qualche perplessità, soprattutto per quanto riguarda i costumi troppo moderni. Per farvi un esempio: i tacchi a spillo dubito esistessero nel 1600... Il soundtrack con una massiccia presenza dei Lumineers, invece, mi GARBA assai. Appena li ho sentiti ho sbarrato gli occhi perché non ci potevo credere! 

Ah e poi ovviamente sto seguendo la serie di tutte le serie tv: GOT. Chi ha visto l'episodio 7x06 può capire il mio disagio. Non faccio spoiler, tranquilli. Ma davvero quel finale è stato IL DISAGIO. Il WHAT THE FUCK per eccellenza. Non so spiegarvelo in altri termini, ma non ho potuto trattenere una nota di disappunto: "E ora?". Eh. Ora sì che sono... ehm ehm. Ora sì che viene il bello. Non vedo l'ora di sapere come si evolveranno le cose nell'ultima puntata, a questo punto. E chissà cosa hanno in serbo per l'ultima stagione...
Per questo autunno ho in programma di parlarvi di tanto in tanto anche di serie tv qui su blog. Ne ho adocchiate qualcuna da incominciare prossimamente:
- Tredici (ho letto il libro che mi era piaciuto a metà). Voi avete visto la prima stagione? Come vi è sembrata?
- Jessica Jones (in realtà avevo visto i primi due episodi e poi avevo lasciato perdere, quindi la devo recuperare).
- Teen Wolf (la seconda parte dell'ultima stagione che è già iniziata).
- The Crown (pareri ????).
Se avete qualche suggerimento non esitate a farmelo sapere, mi raccomando! :)
Ohhhh bene, direi che ho ristretto al minimo il riassunto di questi mesi. Fortuna che manca poco alle mie sospirate vacanze, perché tra scrittura, editing, caldo allucinogeno e vita privata sto rischiando un esaurimento con i controfiocchi. Ma per ora va tuuuutto bene. :D
Grazie per aver letto i miei sproloqui e a prestissimo!
(Domani nuova segnalazione sul blog!).
Buona domenica,
Tania

giovedì 13 luglio 2017

Segnalazione #48 Una moglie di riserva di Tiziana Iaccarino

Buon pomeriggio!
Fa caldo dalle vostre parti? Io vi dico solo una cosa: mi sto sciogliendooooo, proprio come la ceraaa! E a proposito di cera, arriviamo alla segnalazione di quest'oggi! "Una moglie di riserva" di Tiziana Iaccarino, uscito i primi di luglio.
Ragazze, questa trama è uno spasso 😂 Si prospetta davvero una bella storia piena di humor, a partire dai soprannomi dei protagonisti! Vi lascio tutte le info qui di seguito:



Titolo: Una moglie di riserva
(Sottotitolo: Se una moglie non bastasse?)
Autore: Tiziana Iaccarino
Editore: Self-publishing
Genere: Narrativa rosa/humor
Pagine: 75 (ebook)
Prezzo: 0,99€
Data di uscita: 1 luglio 2017

Amazon

Trama
Cera e Raso sono una coppia come tante anche se, dopo quattro anni di fidanzamento e cinque di matrimonio, sembrano arrivati a percorrere una via senza ritorno.
Raso è un tipo a posto, anche se è troppo disordinato, inconcludente, insoddisfatto e pigro, ha un tappeto persiano rinfoltito sui pettorali (e non solo lì!) e per questo motivo suo fratello Lino lo ha soprannominato Rasoio. Gli piace cambiare spesso lavoro e mai mutande, almeno non quelle a quadretti rossi e bianchi che gli ha regalato la mamma prima di sposarsi.
Cera, invece, è perfettina, ordinata, alla moda e sempre molto curata al punto che sua sorella Lucilla la chiama Ceretta.
Quando la ragazza capisce che rimettere suo marito in carreggiata è un'impresa titanica, decide di dargli una lezione: cercherà un'alleata a cui chiedere aiuto e alla quale, forse, il suo “Rasoio” darà ascolto. Ma... cosa potrebbe accadere alla vita di una coppia quasi normale, se vi entrasse una terza incomoda tutta curve e poco cervello?
Ceretta riuscirà nel suo intento o Rasoio resterà l'incallito scansafatiche di sempre?
INDICAZIONI PER L'USO: prima di leggere la commedia, effettuate un accurato controllo alla vostra depilazione e dopo saprete se è meglio il Rasoio o la Ceretta.


Un modo ironico per raccontare la vita coniugale, che a volte sta un po' stretta... E con la "terza incomoda" chissà cosa succederà!
Voi lo conoscete o lo avete letto? Fatemi sapere!
Per ora è tutto, ma ritornerò presto con una recensione, se il caldo si deciderà a darmi un po' di tregua. Rimanere seduta più di dieci minuti al computer sta diventando un'impresa!
Un saluto e buona giornata,
Tania

mercoledì 12 luglio 2017

[Recensione] Lacrime in collisione di Benedetta Cipriano

Buongiorno a tutti!
Ohhhh, finalmente torno a scrivere una recensione nel blog. Scusate l'assenza ma da un mese sono stata risucchiata nel vortice dell'editing e boh, non so come, sono sopravvissuta! 😂
Il romanzo di cui sto per parlarvi l'ho letto un po' di tempo fa (sono indietrissimooooo) e mi è rimasto impresso proprio per le storie pregresse dei personaggi. Vi lascio tutte le info qui di seguito:

Titolo: Lacrime in collisione
Autore: Benedetta Cipriano
Editore: Autopubblicato
Genere: Narrativa rosa - New Adult
Pagine: 160 (ebook) - 226 (cartaceo)
ASIN: B01AEYTB7Y
ISBN: 978-1530863334
Data di uscita:  
Prezzo: 0,99€ (ebook) - 9,26€ (cartaceo)

Trama
Probabilmente, se vissuta insieme, la vita può fare meno paura…
Hope combatte ogni giorno contro uno stranissimo disturbo ossessivo-compulsivo, nel tentativo di mettere a tacere il dolore causato dalle delusioni passate.
Nate è un ex marine, ora istruttore di krav maga, con un ricordo ingombrante che logora la sua anima di giorno in giorno.
Eppure quando si incrociano per la prima volta, all’interno di un supermercato deserto, non possono più tornare indietro: Hope, in preda a un attacco di panico, viene soccorsa da un Nate apparso dal nulla.
Da allora, occhi negli occhi, non riescono più a fare a meno l’uno dell’altro.
Possono due anime perdute ricominciare a lottare insieme? Forse, anche quando tutto sembra perduto, c’è sempre speranza e possibilità di scelta?

Recensione
Hope e Nate, non si conoscono ma hanno già una cosa in comune: un passato difficile. Sapete, a me non piacciono molto i libri tristi, perché i protagonisti, delle volte, sono davvero noiosi da seguire durante il libro; vuoi per esigenze di trama, o proprio per colpa dell'autore che ha reso troppo "pesante" la narrazione e le problematiche sviluppate all'interno del romanzo. Cioè, per spiegarmi meglio, delle volte non si scorge neanche la differenza tra la psicologia di un personaggio all'inizio della storia e alla fine; non si nota, per l'appunto, un vero e proprio cambiamento.

In questo libro, invece, il cambiamento si nota eccome (grazie Benedetta!), perché l'autrice ha saputo trattare a dovere delle tematiche non proprio semplicissime da descrivere a parole e da trasmettere a livello emotivo. I tormenti di Nate per non essere riuscito a fare di più per salvare una persona a lui cara e al trauma subìto da Hope, quasi annientata psicologicamente. Se Nate ha trovato un certo equilibrio grazie al krav maga e alle lezioni/allenamenti in palestra, Hope si è tenuta tutto dentro lasciando che la sua apatia mentale si ripercuotesse anche sul fisico esile. Entrambi portano dentro un dolore, ma uno cerca di reagire, mentre l'altra si rifiuta di vivere per limitarsi a sopravvivere.
Poi tutto cambia. Una sera, in un supermercato. Due persone sconosciute che appena incrociato l'uno lo sguardo dell'altra si riconoscono. Si riconoscono, nel senso che da uno sguardo hanno già capito che sono simili, che portano dentro qualcosa che li logora.
Però basta un attimo per perdersi di vista. Solo un attimo, perché sono destinati a incontrarsi di nuovo... non vi dico né come né dove perché voglio lasciarvi la sorpresa.
A ogni modo, questi due personaggi sono cresciuti molto nel corso della storia, grazie al rapporto che hanno stretto e che hanno portato avanti nonostante le difficoltà della vita, provando a guarirsi a vicenda le ferite dell'anima. Nate confida i suoi problemi a Hope, a un certo punto, ma lei sembra non essere ancora pronta. Lui si fida ciecamente di lei, ma la brutta esperienza di Hope le impedisce di donarsi completamente a qualcun altro, perché essere feriti da una delle persone che più ami, fa davvero male. Soprattutto quando c'è di mezzo la violenza. Devo dire che l'autrice è stata in grado di toccare certi argomenti con eleganza e senza essere volgare, dando dimostrazione che non sempre servono particolari raccapriccianti e scabrosi per far intendere certe cose; il tatto, gente. E' tutta una questione di tatto. E anche di decenza. Ogni tanto si può anche lasciar intendere, senza per forza spingere oltre. Questo è solo il mio pensiero, ma sicuramente gioca un punto a favore del romanzo sia a livello oggettivo che soggettivo. 
Sicuramente quello all'apparenza più forte è Nate. Ma Hope è riuscita a tirar fuori un bel carattere, proprio per il suo vissuto e l'aiuto di quel ragazzo dal cuore d'oro incontrato per caso. Secondo me Hope è quella che tra i due è cresciuta di più in quelle che io ho inquadrato come le sue tre fasi: la prima in cui è praticamente un'anima in pena, un uccellino ferito che non è in grado di prendersi cura di se stesso, la seconda in cui cerca di spiccare il volo ma ha sempre qualcosa che la trattiene, e la terza nella quale è consapevole della sua forza e dei suoi limiti. La terza fase è quella decisiva, quella del riscatto. Il suo personaggio ha avuto una bellissima evoluzione ed è una delle cose più belle di questo libro, oltre la parte romance, chiaramente. Romanticissimo, Nate. ♥
Il finale un po' triste, per tutta quanta la vicenda del rapporto odio-amore di Hope con il padre; ho sperato fino all'ultimo che le cose potessero prendere un'altra piega e invece...
Ma un evento negativo ne porta uno positivo, giusto? E vi lascio in sospeso...
Una nota per quanto riguarda lo stile: scorrevole e incisivo, senza troppi fronzoli. E' narrato sia dal punto di vista di Nate, sia dal punto di vista di Hope, così da far conoscere meglio ed entrare in sintonia con entrambi.
Forse, soprattutto all'inizio, avrei preferito che la protagonista fosse meno timorosa e che fosse più reattiva, ma quando la mente va in tilt è difficile ragionare, me ne rendo conto. Quindi, per la brutta storia che ha alle spalle, è ampliamente perdonata per certi suoi atteggiamenti.
Detto ciò, consiglio questo romanzo agli appassionati di romance, ma anche a chi ha voglia di lasciarsi trasportare  e coinvolgere dai veri sentimenti, da quelli negativi come la rabbia, il senso di smarrimento, di confusione, la malinconia, a quelli positivi come l'amicizia, l'amore e anche un pizzico di ironia che non guasta.

Valutazione
Cover: 7.5
Trama: 8
Stile: 8







Spero di leggere presto altri romanzi di Benedetta! Voi avete letto Lacrime in collisione? Ha un titolo bellissimo, non credete anche voi? Fatemi sapere, mi raccomando!
Un abbraccio e a presto,
Tania

mercoledì 5 luglio 2017

Release Party: Eleinda - Una leggenda dal futuro di Valentina Bellettini


Buongiorno a tutti!
Il mio blog oggi partecipa a un release party molto speciale perché esce il primo volume di "Eleida - Una leggenda dal futuro", una serie urban fantasy di Valentina Bellettini. Si tratta di una nuova edizione in self con parti inedite!
Ve lo presento qui di seguito:





Titolo: Eleinda - Una Leggenda dal Futuro (Eleinda #1)
Autrice: Valentina Bellettini
Editore: Self-Publishing
Genere: Urban Fantasy/Paranormal Romance/Sci-fi
Data di pubblicazione: prima edizione 2014 - nuova edizione 5 Luglio 2017
Formato: cartaceo ed ebook
Pagine: 230
ISBN: 978-1545285022
Prezzo: € 12,70 cartaceo / € 2,99 ebook

"Noi siamo l'uno nell'altra..."

Trama:
Eleonora Giusti è sempre stata una ragazza sola fino al giorno in cui un drago geneticamente modificato è piombato nella sua vita.
A lui basta guardarla per condurla in una dimensione parallela in cui entrambi percepiscono reciprocamente i pensieri più intimi; le basta sfiorarla perché la pelle della ragazza assuma lo stesso colore della sua.
Ma è un'invasione che fa sentire Eleonora come mai si era sentita prima: capita, speciale.
Amata.
Non le importa se il drago è stato creato in un laboratorio della European Technology o se si tratta di un esperimento segreto il cui vero obiettivo ancora le sfugge.
Lei vuole proteggerlo, proprio come ha fatto il drago quando sono fuggiti dalla sede della E.T. a Milano.
Vuole stare con lui, perché da quando lo ha incontrato, la sua vita ha finalmente trovato un senso.
Vuole amarlo, perché superati i vent'anni non credeva più all'esistenza di un sentimento così puro e incondizionato.
È disposta a viaggiare per ogni continente, inseguire leggende, fuggire da una realtà opprimente, vivere sogni e incubi sulla sua pelle in nome di questa passione travolgente, a dispetto di ogni logica razionale.
Ma non ha fatto i conti con il dottor Brandi: il creatore del drago è deciso a riprenderselo con ogni mezzo pur di portare a compimento i suoi eccentrici piani.
Né uomini né draghi sono al sicuro.


"Perfetto connubio tra fantasy classico e fantascienza, Eleinda fonde favola e modernità, avventura e impegno sociale, mito e realtà, lasciando correre la nostra immaginazione su un doppio binario."
Il flauto di Pan

"Eleinda sembra voler raccontare del delirio di onnipotenza umano, dell'avanzamento scientifico senza freni, senza scrupoli, senza valori. In verità, Eleinda parla della solitudine."
Le mele del silenzio

"Trama avvincente. Ottimi spunti di riflessione. Personaggi adorabili."
TrueFantasy

"Il doppio fil rouge che lega i protagonisti del libro, con la loro approfondita introspezione, assieme all’interessante messaggio etico rimane il punto di forza ed il maggior pregio di questo libro."
Isola Illyon

"Addentrarsi in questo futuro prossimo, zeppo di fantasia e avventuroso è stato straordinario. Tante sono le emozioni che arrivano al lettore durante la lettura: la rendono più vera e umana."
Un buon libro non finisce mai

"L’atmosfera tra Indaco e Eleonora è... come dire... patinata, velata da quell’atmosfera privata e intima […] non fa altro che amplificare il forte legame che li unisce.”
Pagine a Merenda

“Consiglio la saga di Eleinda agli appassionati di fantasy, sia adolescenti che non, e a coloro che amano i mondi paralleli, i draghi, un pizzico di fantascienza e le creature meravigliose. 
A chi ama lasciarsi travolgere dalla fantasia dirompente di una giovane scrittrice.”
Rivista Fralerighe


Estratto
L’ultimo tac e con entrambe le mani sollevò delicatamente il coperchio. 
Una nebbia densa, blu come la notte e che sapeva di zolfo, le avvolse il viso; la spazzò via facendosi aria con la mano. Poco alla volta, fu in grado di vedere e riconoscere i contorni del soggetto. 
In mezzo allo sfondo scuro della scatola, c’era un colore che brillava riflettendo la luce esterna: un pelo, un piumaggio, non seppe identificare subito cosa fosse, ma splendeva come un gioiello ed era di un azzurro violaceo, lo stesso colore che appare nell’arcobaleno quando il cielo è terso di nuvole; era di colore indaco.  
Il cucciolo era sdraiato in posizione fetale e non accennava un minimo movimento; Eleonora era ugualmente immobile.  
Davide, invece, era andato a sistemarsi, lavarsi i denti, profumarsi, e a truccarsi occhi e sopracciglia. 
Lui era frenetico mentre la ragazza fissava la creatura. 
Tanto tempo e ancora non aveva capito cosa fosse. Stava raggomitolato come una pallina: “Un gatto? No, direi proprio di no”, pensò. Lì vicino c’erano delle scorie, frammenti di un uovo che si era schiuso al momento della nascita. Per capirne di più, la ragazza allungò un dito per toccare lievemente il cucciolo: era umido nonostante il calore dell’incubatrice, e la sua pelle era dura e compatta, ma cedeva a tratti, squamosa. “Un pesce? Impossibile”, pensò. D’altronde non c’era acqua. 
Si decise ad accarezzarlo con tutta la mano, e fu allora che il piccolo accennò un pigro risveglio: alzandosi, rivelò il collo lungo che fino a poco prima cingeva il resto del corpo, poi voltò la testolina verso di lei lasciando scoprire una lunga coda che terminava nella punta con la forma di un cuore. 
A un tratto lui ricambiò lo sguardo e la fissò, come se la stesse studiando. Poi, i suoi occhi acquistarono una strana sicurezza.  
Sei tu. 
E di colpo, tutto cambiò. 
Fu come se il cuore le fosse uscito prepotentemente dal petto; era come se quel blu magnetico avesse attirato l’anima della ragazza, ora sospesa a galleggiare tra i loro due corpi. 
Gli occhi blu della creatura erano di un’espressività tale da sciogliere ogni curiosità, ogni dubbio, ogni rifiuto; erano affascinanti come nient’altro al mondo perché al suo confronto, i laghi erano aridi scavi, e le azzurrite dei sassi opachi. Guardandoli, sembrava come perdere il senso del tempo e dello spazio, si dimenticavano i come, i quando e i perché, e allo stesso tempo si apriva uno spazio infinito, oltre il corpo e l’esistenza stessa, come se ci fosse un intero mondo oltre quegli occhi; una dimensione infinita di onniscienza. Ogni emozione o sentimento si dissolveva perché non c’era mai stata un’estasi tale come in quell’istante. Ogni certezza svaniva perché non c’era mai stata cosa più consapevole dell’intensità di quegli occhi.  
Stava vivendo? Stava sognando? Non ricordava d’essersi mai sentita così, probabilmente era un’emozione nata nell'esatto istante in cui era comparsa quella creatura nell’universo.  
Si guardavano dolcemente, e un po’ alla volta, le pagliuzze verdi degli occhi della ragazza si mescolavano agli occhi blu del cucciolo, come se un pittore stesse prelevando da una semplice tavolozza per intingere un’opera d’arte già ricca e maestosa; il pittore aveva unito i due esseri con un legame invisibile ma percepibile a entrambi.  
Noi siamo l’uno nell’altra.

© Valentina Bellettini










L'autrice:
Valentina Bellettini è in eterno bilico tra sogno a occhi aperti e razionalità, caratteristica che si ripercuote in tutte le sue opere.
Dopo otto anni di pubblicazioni con case editrici ha deciso di passare al self-publishing per esprimere meglio se stessa e per avere un contatto diretto con i lettori.
Ama la vita, per lei mai noiosa e ordinaria, e lavora nei mercati in piazza dove cattura temi politici e sociali. Attenta ascoltatrice, spesso intreccia legami empatici con i suoi animali.
E’ sposata e gestisce il blog Universi Incantati.





Gli altri volumi della serie:

 


Link Utili:
Blog Universi Incantati
Twitter
Facebook
Pagina Facebook della Serie
Google+
Instagram
Youtube
Goodreads



Siete in cerca di notizie esclusive?
Allora entra nella W.I.O.H.!


In questo gruppo segreto, ogni tanto appare la protagonista della serie.
Eleonora Giusti scrive articoli provocatori e risponde alle vostre domande!



Siete pronti a tuffarvi in quest'avventura di draghi e uomini, di natura e scienza, di leggende e di futuro? Allacciate le cinture e partite sul dorso di Indaco!

Per quanto mi riguarda, ho già avuto modo di leggere il prequel un po' di tempo fa e sono proprio curiosa di continuare!! (Ancora non ho risolto per le letture in digitale, ma ci sto lavorando. Il mio compleanno è vicinoooo :3). Ne avete già sentito parlare? Che ne pensate? Fatemi sapere, mi raccomando!
Un abbraccio,
Tania